Lavorare negli Stati Uniti: come fare

statue-of-liberty

Al giorno d’oggi sono tante le persone che sognano di lavorare negli Stati Uniti, terra che da sempre rappresenta le speranze di molti. Cominciare un lavoro negli USA non è impossibile, tuttavia è importante tenere a mente alcuni passaggi fondamentali che serviranno a chi vuole investire sul proprio futuro all’estero. Ecco dunque tutto quello che bisogna sapere per cominciare a lavorare in America in modo semplice e veloce.

 

Lavorare in America: da dove bisogna cominciare

La prima cosa da fare per lavorare negli USA è munirsi di tutta la documentazione necessaria affinché non sorgano problemi. Il primo requisito fondamentale è il visto, che permette di soggiornare oltreoceano per un periodo più o meno lungo. Il visto può essere richiesto presso l’ambasciata ma chi deve soggiornare per un periodo massimo di novanta giorni può richiedere il visto ESTA. Si tratta di un’autorizzazione che può essere effettuata online almeno settantadue ore prima della partenza e che velocizza sensibilmente la procedura riducendo anche i costi. Il Sistema elettronico per l’autorizzazione di viaggio si può richiedere su ESTA.click e permette di ottenere l’autorizzazione in poco tempo. Tutto quello che bisogna fare consiste nell’inserire i propri dati (compresi quelli che riguardano il volo) e attendere che l’autorizzazione venga accettata. Il visto ESTA può essere utilizzato sia per motivi di lavoro ma anche per turismo e ha una validità di due anni. Pertanto chi dovrà compiere altri viaggi durante questo periodo non dovrà effettuare una nuova richiesta di visto. Tuttavia chi ha intenzione di soggiornare negli Stati Uniti per un periodo superiore ai novanta giorni dovrà richiedere il Temporary Work Visa che consente di restare nel paese fino al termine del contratto di lavoro oppure la Green Card che permette invece di sostare definitivamente e cercare quindi un lavoro a tempo indeterminato.

 

Che cosa serve per lavorare negli Stati Uniti

Per lavorare in America bisogna avere ben chiaro ciò che si vuole fare: chi è un professionista oppure ha una laurea o una specializzazione in un determinato settore può puntare su questo aspetto per trovare il lavoro dei propri sogni. È bene ricordare inoltre che anche una buona conoscenza della lingua inglese può fare la differenza per un’eventuale assunzione. Chi invece non dovesse avere nessuna qualifica può anche puntare su altri lavori come ad esempio il cameriere, il cuoco, l’autista, il commesso e molto altro ancora. Per trovare più facilmente lavoro negli Stati Uniti è possibile cercare su internet dei portali appositi in cui spesso vengono pubblicate le offerte di lavoro più vantaggiose. In alternativa è possibile contattare direttamente un’azienda e proporre il proprio curriculum. Quest’ultimo deve essere completo in ogni sua parte e deve essere scritto in un inglese impeccabile. È consigliabile scegliere delle espressioni semplici che vadano dritto al punto senza eccedere. Soltanto in questo modo il proprio curriculum potrà avere una possibilità di essere preso in considerazione data la concorrenza molto alta. Per quanto riguarda il contratto invece bisogna ricordare che ogni lavoro è diverso e molti elementi come la tipologia di contratto o le ore lavorative possono cambiare da uno stato all’altro. Le città che offrono maggiori opportunità di lavoro sono senz’altro New York, Miami, Chicago, Boston, Washington e Las Vegas. Tuttavia non bisogna puntare soltanto alle grandi metropoli dal momento che ci sono anche città più piccole che permettono di ottenere una buona professione retribuita adeguatamente.

Cercare lavoro negli Stati Uniti può sembrare un’operazione piuttosto complicata ma in realtà non è affatto così. Prima di partire per l’America però è consigliabile informarsi bene per trovare le migliori opportunità e scegliere la soluzione più adatta alle proprie esigenze.