Come scattare fotografie per pubblicarle online

Come scattare fotografie per pubblicarle online

Una domanda che spesso i neofiti si fanno è se scattare in RAW o JPG. Immagino che già abbiate fatto un giro su internet per capire la differenza tra queste due estensioni, con sono altro che due tipologie di file immagini, una grezza (RAW) ed una invece compressa (JPG).

Naturalmente, entrambe le possibilità prevedono pregi e difetti, ma vedremo che oggi è assolutamente preferibile scattare in RAW, anche se ciò prevede un po’ di tempo in più da dedicare. Tutto dipende dalla volontà o meno di lavorare in postproduzione, dopo cioè aver scattato la foto.

Innanzitutto, sono tantissimi i programmi che potrete utilizzare per modificare o solo gestire le vostre fotografie. Oltre ai programmi più famosi, ne esistono diversi meno conosciuti ma che consentono ampia libertà e facilità di utilizzo, a prezzi molto contenuti, come ad esempio Movavi che potrete utilizzare anche su MAC, come potrete vedere su https://www.movavi.com/it/mac-photo-editor/ dove potrete leggere tutte le funzionalità di questo splendido programma e scaricare una versione di prova gratuita.

Tornando alla domanda principale di questo articolo, se un tempo il dubbio poteva essere maggiore, vista la potenza e la velocità delle fotocamere, che non consentivano molti scatti veloci in RAW, vista anche la capacità delle schede di un tempo, i cui costi erano abbastanza alti e facevano preferire ai fotoamatori lo scatto in JPG, in modo da poter conservare più fotografie sulla stessa scheda.

Oggi questi limiti non esistono più. Se è vero che le fotocamere di oggi raggiungono un numero di MegaPixel altissimo e ciò significa un peso molto grande per ogni foto (in JPG ma soprattutto in RAW), le nuove tecnologie consentono di fare diversi scatti in pochissimi secondi anche in RAW e le nuove schede di memoria costano così poco che non è difficile acquistare schede da 16GB o anche superiori, che consentono di contenere centinaia di foto in RAW.

Dall’altro lato, la possibilità di scattare in RAW consente un controllo completo sulla foto in postproduzione, con la possibilità di poter modificare ogni aspetto della foto stessa. Questo consente di recuperare fotografie parecchio sottoesposte o sovraesposte ed applicare effetti molto più facilmente che nel caso delle immagini JPG.

Per concludere, quindi, noi consigliamo assolutamente di scattare in RAW e di perdere quei pochi minuti di tempo in post produzione per ottenere fotografie bellissime. Poi, se proprio desiderate avere le foto già pronte dopo averle scattate, scegliete il formato JPG, niente sarà compromesso. Infatti, anche in questo caso potrete utilizzare un programma di fotoritocco come Movavi per sistemare al meglio le vostre foto.