Growth Hacker: siamo sicuri serva solo alle startup?

Growth Hacker: siamo sicuri serva solo alle startup?

<br/><a href="http://oi64.tinypic.com/ixdqj5.jpg" target="_blank">View Raw Image</a>

In questi ultimissimi anni si fa un gran parlare dell’estrema importanza di esperti di crescita, le nuove figure digital all’interno delle startup e, tra le più ricercate e interessanti da analizzare, sicuramente quella del Growth Hacker merita una menzione d’onore.

Vediamo in dettaglio di cosa si tratta cercando di capire il suo impatto nel web marketing.

Sempre pronto a fare della sua creatività un tratto distintivo fondamentale, il Growth Hacker è anche molto di più. Dotato di una minuziosa conoscenza degli applicativi necessari per la parte concreta del proprio lavoro, questa figura comprende appieno non solo i linguaggi informatici più importanti ma sa essere un ottimo “psicologo” nel comprendere cosa piace agli utenti e cosa proporre per viralizzare il proprio prodotto.

Il Growth Hacker è una figura professionale ancora poco conosciuta in Italia, ma si può dire che sta venendo fuori pian piano e sempre con maggior impatto.

In tutta questa grande mole di qualità e caratteristiche proprie del Growth Hacker, molti hanno ritrovato sempre e solo la descrizione di ciò che serve alle startup, realtà giovani e spesso con budget decisamente limitati che hanno bisogno di crescere in fretta per ritagliarsi una fetta di mercato e poter sperare non solo nella sopravvivenza ma anche e soprattutto nella crescita esponenziale del proprio business.

Questa visione delle cose è giusta solo in parte. Alcune realtà aziendali che potremmo definire tradizionali, infatti, si sono rese conto dell’enorme potenziale derivante dall’inclusione nel proprio team di lavoro di un Growth Hacker per migliorare la visibilità del prodotto o servizio trattato, in questo caso già ampiamente definito, ma anche per realizzare campagne virali nuove e fresche che rivitalizzino il brand.

In quest’ottica viene spontaneo pensare che nei prossimi 2 o 3 anni la richiesta di Growth Hacker qui in Italia potrebbe ulteriormente aumentare e per essere al passo con i temi e ottenere per tempo la giusta formazione, per il secondo anno consecutivo la TAG Innovation School, la scuola del digitale di Talent Garden organizza il Master in Growth Hacking Marketing, in partenza il prossimo 23 settembre. Si tratta di un’occasione unica nel suo genere, ideale per professionalizzarsi e ottenere il massimo da un lavoro che potrebbe decisamente migliorare il futuro di tanti giovani talenti.

Un appuntamento imperdibile, insomma, per chi desidera investire sul proprio futuro ed arricchire il proprio bagaglio di conoscenze digital e non solo.

Cosa aspettate a mettervi alla prova con questa nuova esperienza?