Joomla! per chi non lo conosce ancora

Un CMS con molte dotazioni e caratteristiche interessanti, utili per siti diversi. Si è ormai affermato dovunque, chi è sul web deve considerarlo.

Quando si concepisce un website sono parecchi gli aspetti a cui badare. Uno, urgente quanto importante, concerne la scelta della piattaforma alla quale affidare la tua vetrina on line. Fra le varie soluzioni, un hosting con Joomla!, osservano da Giga.it, non è da scartare. Anzi, parliamo di un sistema che nel tempo ha saputo guadagnarsi la fiducia di parecchi utenti. Vediamo perché. 

Quali sono le origini?

È una costola del programma open source denominato Mambo. Alcuni tecnici addetti allo sviluppo di quest’ultimo se ne allontanarono per divergenze creative. Così Joomla! nacque in veste di Content Management System alternativo e indipendente. Dal 2005, anno del suo debutto, questo CMS ha incontrato il favore di milioni di persone che lo hanno scaricato. Una grande comunità, nelle intenzioni di chi lo ha battezzato: infatti la parola jumla in swahili significa “unica entità” o “tutti assieme”. 

Tante ramificazioni

Il successo di Joomla! si misura anche dalla sua evoluzione. La community è per l’appunto assai vivace, perciò le estensioni, tra moduli (piccole unità per la visualizzazione di dati) e componenti (per i backup o per aggiungere funzioni quali gallerie fotografiche, forum, mappe, guestbooks, rilevazioni statistiche), includendo templates (adatti a inserire design e strutture predefiniti) e plug-in (buoni per le estensioni con codici), sono già migliaia. Una scelta talmente ampia che realizzare websites piuttosto articolati non pone eccessivi problemi.

Semplicità e possibilità di espansione

Fra i più noti sistemi di gestione dei contenuti Joomla! si distingue per la facilità d’uso che lo rende popolare anche presso i meno esperti d’informatica. Tra l’altro, è vantaggioso pure perché consente di costruire siti o portali in tempi rapidi. Oltretutto, non ci sono ostacoli attinenti all’utilizzo di qualsiasi hosting. Joomla!, dicevamo, poggia su un’ampia e disponibile utenza: in rete trovi moltissimi tutorials che possono venirti in aiuto quando sei in difficoltà. La sicurezza è garantita dai continui aggiornamenti. Inoltre, si tratta di un sistema che, grazie alle dotazioni di cui si accennava prima, permette continui allargamenti, a seconda dei gusti e delle esigenze, sia per il back end sia per il front end. Va da sé che puoi ricorrere a diverse soluzioni gratuite, ma qualcuna è a pagamento. Basta scaricarle in versione zippata, poi il sistema, previo inserimento, fa da solo. Più tardi, magari, saprai inventarne qualcuna tu.

Il pacchetto di base

D’accordo, puoi sbizzarrirti con gli accessori. Ma Joomla! è già alquanto ricco nella sua versione “grezza”. Oltre alla possibilità di ricorrere a testi in ben 64 lingue (anche per quegli imprenditori lungimiranti che intendono utilizzarne più di una) e a frequenti aggiornamenti (per installare i quali è sufficiente dare un “ok”), hai comandi di ricerca facilitata (con keywords) e una fruibile gestione dei banner, nonché l’opportunità di apportare modifiche direttamente dal front end. Nessun problema per gestire i contenuti (attraverso un buon editor e vari layout, che come il database sono staccati dal design per evitare interferenze), né per visualizzazioni da supporti mobili differenti. 

Ulteriori assi nella manica

Con Joomla! non ci sono font predefiniti, sei tu l’“architetto”. Così come a te spetta l’eventuale suddivisione in gruppi dei clienti. In più, se vuoi, ti puoi servire, attraverso apposite interfacce, di varie applicazioni per il cloud. Se non bastasse, hai a disposizione, tramite pannello di controllo, ogni indicazione per la gestione SEO, pure per indicizzare il sito sui motori di ricerca (ma puoi modificare i titoli nel menu o nelle pagine rispetto agli URL) e per inserire dei metadati (se dimentichi qualche descrizione). Viene poi effettuata una compressione che agevola la velocità di caricamento. Insomma tanti mezzi per migliorare dei testi – si spera – di qualità.

Le estensioni principali

Ci sono potenziamenti che allargano il vostro sito e altri che lo rendono più maneggevole, gradevole o sicuro. I primi tre da considerare sono gratuiti e si chiamano Akeeba Backup, Easy Frontend SEO e VirtueMart. Se uno semplifica l’attività di backup, l’altro permette di interfacciarsi direttamente con il front end (lo dice già il nome) per quel che riguarda i tags, mentre l’altro ancora è ideale per il commercio in rete. Pagando si può usufruire invece di EasyBlog, adatto, naturalmente, alla creazione di blog, che offre il collegamento con i social.

Un CMS per tutte le “stagioni”

In definitiva, Joomla! si addice ai piccoli siti e a quelli più stratificati. In poche mosse puoi creare un negozio on line, con tutti gli abbellimenti del caso. Però ogni aggiunta comporta l’apprendimento di nuovi comandi, quindi metti in conto qualche fase di incertezza e la possibilità di cambiare ciò che ti sembrava accattivante e che ora non ti convince più. E non dimenticare di verificare la sicurezza man mano che il sito cresce: le “scoperture” non sono da sottovalutare.

Sei pratico di CMS? Hai mai provato il pannello di controllo di Joomla!?